La scomparsa di Annarita Sidoti


sidoti_bisNeanche un mese fa Anna Rita Sidoti aveva pubblicato su Facebook una bella foto, lei sorridente con i suoi tre figli, tutti uno sopra l’altro, Federico (10 anni), Edoardo (9) e Alberto (5) – tre monelli, come diceva lei – e accendeva una speranza in tutti noi, che l’avevamo sempre seguita nei suoi innumerevoli trionfi.

Ribattezzata lo «scricciolo d’oro» da Candido Cannavò, era una forza della natura, una combattente che dallo sport e dalla marcia in particolare aveva imparato «a non mollare mai, a credere che la sconfitta non è definitiva, sino a quando tu non ti arrendi».

Era di casa da noi a Catania, a San Pietro Clarenza, la terra della marcia, una vera festa ogni volta, ammirata da tutti, felici di poterla salutare e complimentarsi con lei.

Anna Rita avrebbe compiuto 46 anni il 29 luglio, dopo tante sofferenze si è dovuta arrendere di fronte al male più subdolo e piegarsi all’avversario che da tempo ormai le marciava accanto.

Raccontava tutto Anna Rita: «La forza me la dà la mia famiglia, mio marito Pietro, che pur essendo medico, è più preoccupato di me e naturalmente i miei tre figli, i due più grandicelli sanno di cosa sto soffrendo».

Grande commozione e occhi lucidi per parole che in pubblico Annarita Sidoti non aveva ancora pronunciato: una lezione di vita per tutti noi.

Nata a Gioiosa Marea (Messina) il 25 luglio 1969; 1,50 x 42 kg.
Allenatore: Salvatore Coletta.
Presenze in nazionale: 47.

Ha scelto la marcia sulla spinta di Carmela Aiello, sua insegnante di educazione fisica alle scuole medie. Poi ha speso quasi tutta la carriera con la Tyndaris Pattese, sempre seguita da vicino da Salvatore Coletta, dal 2000 alla Sai.

Marciatrice di valore, malgrado la sua piccola statura (1,50), ha rappresentato l’Italia in tre edizioni dei Giochi Olimpici e in sei dei Campionati Mondiali. Sui 10 km, nei primi, settima a Barcellona 1992 (45’23”), undicesima ad Atlanta 1996 (43’57”) e ritirata sui 20 km a Sydney 2000. Ai Mondiali, sempre sui 10 km, medaglia d’oro ad Atene 1997 (42’55″49 su pista), nona a Tokyo 1991 (44’18”) e a Stoccarda 1993 (44’13”), tredicesima a Göteborg 1995 (44’06”), sui 20 km, ritirata a Siviglia 1999 e ottava ad Edmonton 2001 (1.31’40”).

Ai Campionati Europei è stata presente in quattro edizioni con due vittorie, a Spalato 1990 (44’00”) e a Budapest 1998 (42’49”), un secondo posto a Helsinki 1994 (42’49”), sempre nei 10 km e ottava a Monaco 2002 (1.31’19” sui 20 km). Ha detenuto il record italiano dei 5000 metri (pista) con 20’21″69 (Cesenatico, 1995). Meno a suo agio sulla distanza dei 20 chilometri, divenuta nel frattempo standard: qui il suo miglior tempo è stato di 1h28’38” nel 2000 a Eisenhüttenstadt.

Progressione (10 km-20 km marcia): 1986 (17) 53’23”; 1987 (18) 49’37”; 1988 (19) 47’57″9t; 1989 (20) 44’59”; 1990 (21) 44’00”; 1991 (22) 43’37”; 1992 (23) 43’03”-1:36:54″; 1993 (24) 42’41”; 1994 (25) 41’46”; 1995 (26) 42’04”-1.37’43”; 1996 (27) 43’04”; 1997 (28) 42’20”-1.30’57”; 1998 (29) 42’49”; 1999 (30) 43’38″2t-1h34’00”; 2000 (31) 43’35″/41’59”-1.28’38”; 2001 (32) 43’48”-1.31’40”; 2002 (33) 43’56″0t-1.31’11”; 2003 (34) 22’55″70/5 km.
Altri primati personali: 6’46″53/miglio, 8’06″73/2000 m, 12’09″3/3000 m, 20’21″69/5000 m, 42’55″49/10.000 m.

Fonte: Michelangelo Granata – Nella foto Annarita Sidoti insieme a Pietro Pastorini, l’azzurra Eleonora Giorgi e il presidente della FIDAL Catania Davide Bandieramonte in occasione dei Campionati Italiani di marcia a Misterbianco del 2014.

 

CURRICULUM
Titoli italiani: 10 (5 km: 95, 10 km: 91, 20 km: 92-95-00-02, 3 km indoor: 91-94-01-02)
Giochi Olimpici: 1992 (7/10 km), 1996 (11/10 km), 2000 (rit/20 km)
Campionati Mondiali: 1991 (9/10 km), 1993 (9/10 km), 1995 (13/10 km), 1997 (1/10 km), 1999 (rit/20 km), 2001 (8/20 km)
Campionati Europei: 1990 (1/10 km), 1994 (2/10 km), 1998 (1/10 km), 2002 (8/20 km)
Campionati Mondiali indoor (3 km): 1991 (squal.), 1993 (6)
Campionati Europei indoor (3 km): 1990 (3), 1992 (4), 1994 (1)
Campionati Mondiali juniores: 1988 (4/5 km)
Campionati Europei juniores: 1987 (7/5 km)
Giochi del Mediterraneo: 1997 (2/10 km)
Universiadi: 1989 (5/5 km), 1991 (3/10 km), 1995 (1/10 km), 1997 (3/10 km)
Coppa del Mondo: 1989 (8/10 km), 1991 (9/10 km), 1993 (7/10 km), 1995 (9/10 km), 1997 (6/10 km)
Coppa Europa: 1996 (1/10 km), 1998 (rit/10 km), 2000 (5/20 km), 2001 (11/20 km)

fonte: www.fidalcatania.it